Passa ai contenuti principali

Post

Sulla natura umana, nel III anniversario della morte di E. T. Gendlin

Il 1.mo maggio 2020 saranno trascorsi tre anni dalla morte di Eugene T. Gendlin.  Lo ricordo qui con una citazione da un articolo del 1993, che racchiude tutta la sua filosofia e anche il suo modo caratteristico di esprimersi, tra il serio e il faceto.  Today it is against fashion to affirm a universal human nature or a bodily, animal nature in humans or a reality that is not just an interpretation. Of course, I won't affirm these in that innocent way that is being rightly rejected — but I will affirm all three, after all.  "Al giorno d'oggi è fuori moda affermare l'esistenza di una natura umana universale, di una natura animale e corporea negli esseri umani o di una realtà che non è solo una interpretazione. Di certo, non affermerò questi punti nel modo ingenuo che al giorno d'oggi viene giustamente rigettato. Tuttavia, a ben vedere, li affermerò comunque." A Gendlin non basta dire che siamo nati come esseri relazionali.  La diade corpo-ambiente,
Post recenti

Gene's passing away - My personal memorial/Gene è morto - Il mio ricordo personale

Eugene T. Gendlin (Gene), the American philosopher who developed the mind-body connection practice called "Focusing," died on May 1 at the age of 90 in Spring Valley, New York. His death was announced by the International Focusing Institute ( www.focusing.org ), Eugene T. Gendlin (Gene), il filosofo americano che ha sviluppato la pratica di connessione tra corpo e mente denominata "Focusing" è deceduto il 1mo Maggio all'età di 90 anni a Spring Valley, New York State. La sua morte è stata annunciata dall'  International Focusing Institute ( www.focusing.org ) In memoria di Gene/Gene's memorial Bye Bye Gene, solo ieri ho scritto alcune domande che avrei voluto farti in una prossima conversazione telefonica, chiedendomi se avrei avuto veramente ancora il modo di cogliere un'opportunità così preziosa.    Non ti ho mai conosciuto personalmente, ma è stato  mio onore e mio piacere il poter  ascoltare l

#giornatamondialedell'ascolto: circoli dell'empatia il 21 e 22 ottobre a Garbatella (Casetta Rossa)

Nella #giornatamondialedellascol to tre circoli dell'empatia di 2 ore ciascuno tra persone che vogliano imparare ad ascoltarsi e ad ascoltare gli altri, a partire da domande scottanti ed attuali. Per rafforzare i legami di cittadinanza, il rispetto reciproco, l'intelligenza collettiva e (forse) migliorare il rapporto tra cittadini e istituzioni. I 3 circoli dell'empatia (turni di ascolto e ripetizione delle opinioni degli altri prima di prendere la parola) avranno la durata di 2 ore ciascuno e si svolgeranno a partire dalle domande 1) Cosa si potrebbe fare per migliorare la raccolta dei rifiuti nella nostra città? 2) Cosa si potrebbe fare per risparmiare sui costi della politica a livello nazionale? 3) Cosa si potrebbe fare (a livello nazionale e internazionale) per affrontare/risolvere il problema dei migranti che ... arrivano sui “barconi” dall'Africa nel nostro Paese? Gli orari previsti sono: mattina di venerdì 21 e mattina di sabato 22: ore 10:30-12:30; po

21-22 OTTOBRE, GIORNATE MONDIALI DELL'ASCOLTO

Con il titolo di questo post, trovate in  Facebook il gruppo che intende promuovere in Italia le giornate mondiali dell'ascolto in data 21 e 22 ottobre 2016 (in altri Paesi del mondo la giornata scelta è solo il 21 o solo il 22 ottobre). Siamo aperti ad accogliere tutti gli altri individui e gruppi che desiderano partecipare a un evento il cui unico scopo è quello di ascoltare le persone sulla loro esperienza della situazione mondiale attuale e di se stessi in questo mondo e in questa fase storica.  Siamo apartitici, aconfessionali e non promuoviamo alcun prodotto. Il nostro unico obiettivo è quello di rendere possibile un'esperienza positiva, quale quella che si verifica quando una persona ascolta apertamente un'altra, senza secondi fini, permettendo che il cambiamento sociale si verifichi insieme a quello personale. Questo modo di procedere rappresenta a nostro avviso un modello dolce di sovversione sociale e attivismo.  Anche se molti di coloro che sono coinvolti nel

COMPARING FOCUSING ON OBJECTS AND FOCUSING ON PERSONAL SITUATIONS

Alla Conferenza di Cambridge avrei voluto condurre un esperimento per comparare il Focusing sugli oggetti e il Focusing sulle situazioni problematiche personali. Se un numero sufficiente di persone avesse partecipato al Workshop, avrei chiesto alle partecipanti di dividersi in due gruppi, per permettere ad alcune persone di focalizzare su situazioni di vita e a altre di focalizzare sugli oggetti. Purtroppo, il numero di partecipanti (4 in tutto) non è stato sufficiente per condurre questa sperimentazione, che spero invece di poter effettuare a Abano Terme, in Italia, a fine agosto. A Cambridge c’è stato però un workshop molto più importante e molto più frequentato del mio, in cui abbiamo focalizzato sugli oggetti, ed è stato quello sul Focusing a Gaza, a cura del Palestina Trauma Center. Mi sono molto commossa nel vedere quanto fosse simile a quello preparato da me il tavolo con gli oggetti: il ramo secco e ritorto oppure il ramo con foglie verdi e tenere, la forma perfetta di u

"FOCUSING FOR SYMBOLS" FOR THE INTERNATIONAL FOCUSING CONFERENCE IN CAMBRIDGE (20-24 JULY 2016)

Here below, at the end of the film,  you see an installation  named  "Happy meeting at the airport" Nel video qui sotto è visibile alla fine un'installazione dal titolo  "Incontro felice all'aeroporto" Casa Internazionale delle Donne, Roma, June 10th, 2016 The installation is an example of "holistic poetry", i.e. poetry that takes up its place in space and can therefore be experienced and symbolized again by another (human) body. The poetry at the centre of the installation is meant to shape an area whether humans were/are/perhaps will be/ happy to meet in airports even after the terrorist attacks to airports and planes of our recent history. L'installazione è un esempio di "poesia olistica", ossia di una poesia che occupa uno spazio e può essere quindi esperita e simbolizzata nuovamente da un altro corpo umano. La poesia al centro dell'installazione in questo caso intende formare uno spazio dove esseri uma